Valmalenco UltraDistance Trail

19/20 Luglio 2019 – Caspoggio (SO)

Una gara tecnica la VUT, per veri trailer di alta montagna. La gara sarà inoltre qualificante per l’UTMB (Ultra Trail du Mont Blanc).

La mitica kermesse, che ripercorre l’Alta Via della Valmalenco e i suoi rifugi, sviluppa un tracciato che andrà a toccare ben 15 strutture ricettive in alta quota con 4 scollinamenti oltre quota 2.600m. Il tutto portando i concorrenti ad attraversare ripide bocchette, veloci single track e passaggi mozzafiato al limite dei ghiacciai nel gruppo del Bernina.

Sposando appieno lo spirito green dell’evento, la VUT 2019 sarà “plastic free”. Ogni concorrente sarà fornito quindi di un apposito bicchiere che gli consentirà di dissetarsi lungo il tracciato senza intaccare l’ecosistema di un’area tanto bella quanto delicata.

La sicurezza in alta montagna è fondamentale. Come nelle edizioni precedenti gli atleti della VUT saranno monitorati con i rilevatori satellitari, così da visualizzare in tempo reale l’andamento della gara. Oltre a questo, grazie alla partnership con helpcode.life, ogni trailer sarà munito di un  innovativo braccialetto MioID brandizzato VUT con un QRCode. In caso di soccorso si potrà quindi risalire all’identità del concorrente, conoscendo la sua cartella clinica, gruppo sanguigno ed eventuali allergie. Tale braccialletto potrà poi essere un fedele compagno di avventure anche per altre gare o future escursioni outdoor.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.ultravalmalenco.com

 Il viaggio delle Stelle

Ognuno ha la sua vetta da raggiungere!

Il 25 maggio in Piazza Gae Aulenti (Milano) partirà la lunga corsa dei B.Livers con le e-bike, da Milano a Cortina.

Porteranno la bandiera del Comitato Olimpico 2026 fino a Col Gallina (Cortina, Passo del Falzarego) e la Starlight Room. Sarà un viaggio a tappe, in cui i ragazzi, affetti da gravi malattie croniche del progetto B.LIVE (bliveworld.org), incontreranno persone, aziende, luoghi che, come loro, hanno vissuto storie di passione, sacrifici e speranza , andando oltre i loro sforzi per costruire un mondo migliore.

Al via ci sarà un’esibizione della campionessa di bici da corsa Andra Pilo e molti amici che percorreranno i primi chilometri con B.Livers sulla Martesana.

Cortina venerdì 31 maggio. I ragazzi poi continueranno da soli alla tenuta di Borgoluce dove arriveranno martedì. Il 1 ° giugno la grande festa tutti insieme sotto le stelle.

 

  

 

  

Giornata mondiale della Sindrome di Down

Oggi, il 21 marzo, è la giornata mondiale della sindrome di Down, è un’iniziativa di sensibilizzazione globale che è stata creata per sensibilizzare e sostenere coloro che vivono con la sindrome di Down. 

Ci sono molte iniziative organizzate e informano le persone su ciò che questa sindrome rappresenta e cosa non lo è. Soprattutto, ricordare come alcuni semplici gesti quotidiani (andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici) sono ancora spesso, una pietra miliare lontana per molte persone con questa sindrome.

Uno di questi eventi per sensibilizzare è “Lots of socks”, un’iniziativa divertente che invita le persone a indossare calzini spaiati. Perché calzini? perché i cromosomi sembrano calze e le persone con la sindrome di Down hanno un cromosoma in più.

Fonte: https://www.worlddownsyndromeday2.org/event/lots-of-socks-2019  

  

 

Temperature invernali congelamento aumentare l’attacco di cuore rischio

Le gelide giornate invernali rappresentano una grave minaccia per il cuore, soprattutto per le persone con condizioni preesistenti. Oltre al freddo, che può aumentare il rischio di infarto da 34%, la velocità del vento, la pressione atmosferica e l’attività fisica contribuiscono anche. L’aumento di battiti cardiaci e la pressione arteriosa, in combinazione con il gelo determinato vasocostrizione, può infatti favorire la rottura delle placche aterosclerotiche e la generazione di un trombo. Per aumentare le possibilità di sviluppare un attacco di cuore ci sono anche attività fisiche svolte all’aperto soprattutto al mattino. Per non parlare dell’impatto delle infezioni respiratorie tipiche della stagione fredda, a causa dell’abbassamento delle temperature che facilitano l’invasione di virus e altri patogeni: infatti, ammalarsi aumenta il rischio di avere eventi cardiovascolari avversi del 600% . Meteo invernale, gli studi suggeriscono, può essere particolarmente rischioso per il vostro cuore se hai già avuto un attacco di cuore, hanno malattie cardiache, o sono più vecchi di 65. Un certo numero di cambiamenti cardiovascolari silenziosi e stagionali possono spiegare la tacca. Mentre le temperature cadono, i vostri vasi sanguigni stringono ed il flusso sanguigno accelera per aiutarlo a rimanere caldo. Ecco perché la pressione sanguigna è spesso più alta nelle stagioni più fredde. Livelli di colesterolo sembrano aumentare in pieno inverno, anche. Attacco di cuore può presentare in una varietà di modi, non tutti di loro che coinvolgono il dolore toracico. Se sei maschio, il dolore toracico classico è davvero il sintomo n. 1 di un attacco di cuore (anche se non l’unico). Il dolore di solito dura più di pochi minuti, o recidiva. È comunemente descritto come sentire come un elefante è in piedi sul petto, ma può anche sentire come il disagio o la pressione. Altri sintomi includono nausea e vomito; dolore superiore del corpo nelle braccia, schiena, spalle, collo, mascella, o addome; mancanza di respiro; e una sensazione di pienezza al centro del petto. Se sei femmina, tuttavia, un attacco di cuore può presentare un po’ diverso, dice Karol Watson, co-direttore del programma UCLA in cardiologia preventiva. “La pressione toracica è di solito da qualche parte nel mix, ma non può essere il sintomo più prominente.” Le donne possono entrare in ufficio del medico con i sintomi che non evocano un attacco di cuore “classico”: affaticamento opprimente; mancanza di respiro; nausea vertigini sudorazione sintomi flulike; e addominale, mascella, o mal di schiena. Per tutti, i sintomi possono essere sottili. Il rischio di avere un attacco di cuore, ma non notando alcun sintomo-un fenomeno noto come attacco cardiaco silenzioso-può essere molto più grande di quanto gli scienziati avevano precedentemente creduto. Se sospetti che stai avendo un infarto, chiama subito l’ambulanza.